video-audizioni-xfactor-9

Prima dei Bootcamp mancano ancora da vedere alcuni concorrenti delle Audizioni che iniziano con un grande ritorno sul palco di X Factor 10: Sinforosa! Poi i Kuda hanno convinto e si conquistano 4 sì! Alessandro vuole uscire dagli schemi, ma il suo atteggiamento indispettisce pubblico e giuria, in particolare Manuel Agnelli che risponde al suo monologo con un “grandissimo no”. Guardate il video. Cinque anni fa Kenny Rai è arrivato a un passo dai Live di X Factor, ma non era pronto. In questi anni la vita lo ha messo alla prova e ora sente di essere cresciuto. La sua interpretazione di “When I Get You Alone” di Robin Thicke convince i giudici!

Alessandro Cattelan ha svelato le categorie ai giudici con un messaggio molto chiaro e lo stesso per tutti: “La tua è la categoria più forte!”. Fedez avrà le under donne, Alvaro Soler i gruppi, Manuel Agnelli gli Over e Arisa gli under uomini.

Per la categoria di Fedez inaugura il palco Alice che con “I Wish” di Stevie Wonder dimostra tutta la sua personalità: una sedia è sua! Fedez da Claudia, che canta “Chasing Pavements” di Adele, si aspettava qualcosa in più, ma per ora può sedersi. Noemi con “Per Sempre” di Nina Zilli occupa un’altra sedia. Dopo aver convinto con l’inedito alle Audizioni, la sua versione di “Jolene” di Dolly Parton non lascia dubbi a Fedez: Charlotte conquista una sedia! Fedez è in difficoltà: sono tutte brave! Anche Irene che interpreta “Dancing” di Elisa può sedersi.

Federica ha rischiato troppo portando “Controvento” di Arisa, una scelta che interrompe il suo viaggio X Factor. Fedez la esorta comunque a portare avanti quello in cui crede. Un’ultima sedia disponibile prima degli eventuali e temutissimi switch! Sofia propone “My baby don’t care for me” di Nina Simone. È il momento delle scelte difficili per Fedez. Grace si esprime al massimo con “Daddy Lessons” di Beyoncè accompagnandosi con il Cajon. Standing ovation e primo switch: Noemi deve alzarsi per farle posto.

Valentina con “Mad World” dei Tears for Fears convince il suo giudice. Secondo switch! Claudia deve cederle la sedia. Rossella ha scritto le sue rime sulle note di “Black Widow” di Iggy Azalea featuring Rita Ora. Fedez ha qualche dubbio, ma decide di darle comunque una sedia perché con lei può fare un lavoro stimolante. Terzo switch: Irene si alza. Caterina sulle note di “I’m not the only one” di Sam Smith, fa venire a Fedez la pelle d’oca. Quarto switch: Alice deve alzarsi. Shady canta “Tightrope” di Janaelle Monae. Fedez su di lei continua ad avere dubbi e decide di non farla proseguire. L’ultima concorrente a esibirsi è Gaia che tenta il tutto per tutto con “Cry me a river“ di Ella Fitzgerald. La sedia è sua e Charlotte deve abbandonare X Factor.

Per la categoria Under Donne di Fedez accedono alle Home Visit: Sofia, Grace, Valentina, Rossella, Caterina e Gaia.

Ora comincia il Bootcamp di Alvaro Soler con i Gruppi. I Soul System conquistano la prima sedia con la loro personalissima versione di “Roma Bangkok” di Baby K e Giusy Ferreri. Gli Hangovers si esibiscono con “The Sound of Silence” di Simon & Garfunkel, ma senza il batterista che si è rotto la mano. Questa capacità di adattamento è un segnale importante secondo Alvaro: sedia! La scelta di “Walking On The Moon” dei Police non è delle migliori secondo i giudici, ma i Kuda conquistano una sedia grazie alla creatività.

I Muzak propongono “Pensiero Stupendo” di Patti Pravo, ma il loro tocco non è abbastanza moderno per Alvaro e abbandonano il palco. Dopo il no di Alvaro alle Audizioni, i Jarvis conquistano una sedia con “Chelsea Dagger” dei The Fratellis. Le Coraline, trio di sorelle con “Toxicity” dei System of a down non convincono Alvaro come alle Audizioni, ma per ora la sedia è loro

Lo stile minimalista dei Klune, che cantano “Com’è buia la città” di Ridillo, vale l’ultima sedia disponibile! I Five Stories fanno una versione di “Basket Case” dei GreenDay che crea dibattito al tavolo dei giudici. Alvaro decide di fidarsi del proprio istinto e fa alzare gli Hangovers per loro. Il pubblico non è d’accordo! Gli Oak con “Time to pretend” di MGMT e il loro “anti eroe dei frontman” conquistano una sedia ed è switch con i Klune.

I Les Enfants spodestano i Five Stories imponendosi sul palco con i “Dancing in the dark” di Bruce Springsteen. Gli IISO sanno che non è semplice, ma con “I cigni di balaka” di Albano riescono nell’impresa: i Kuda cedono loro la sedia. I Daiana Lou con “Heavy Cross” dei Gossip mettono tutti d’accordo, ma Alvaro con grande difficoltà prende una decisione: le Coraline devono cedere la sedia ai colleghi.

Per la categoria Gruppi di Alvaro Soler volano alle Home Visit: Soul System, Jarvis, Oak, Les Enfants, IISO e Daiana Lou.